contatti-giovi.png

DREAMHOUSE - Gli esperti delle case a consumo zero

Architettura Passiva: Cos’è e Come Ottenerla

[fa icon="calendar"] 16/01/18 12.06 / da Alberto Uboldi

Alberto Uboldi

architettura-passiva.jpg

L’architettura passiva è il ramo professionale dell'architettura che si preoccupa di progettare e costruire abitazioni o spazi abitativi passivi, ovvero che sopperiscono alla produzione di energia in maniera autonoma o il più possibile autonoma, applicando prima di tutto principi di risparmio energetico e in secondo luogo attraverso, appunto, l’autoproduzione.

L’architettura passiva si preoccupa di dotare una casa di tutte quelle caratteristiche idonee a far risparmiare quanta più energia possibile, come ad esempio l’isolamento termico, di utilizzare particolari impianti che consumino poco e infine che producano energia da fonti naturali, come ad esempio gli impianti fotovoltaici o i solari termici.

Vediamo nel dettaglio in cosa consiste questa tipologia di abitazioni e come fare per ottenerle.

 

Parola d’Ordine Risparmio Energetico

Una casa passiva deve innanzi tutto consumare poca energia. E’ fondamentale, quindi, che una casa sia costruita con sistemi edilizi innovativi che garantiscano il totale isolamento termico.

Questa caratteristica si ottiene utilizzando materiali isolanti termicamente, come ad esempio il legno (nei prefabbricati) o il polistirolo (nel sistema Plastbau 5), che possiedono anche caratteristiche di fonoassorbenza.

Ma non solo: bisogna prestare attenzione anche al sistema costruttivo utilizzato, che non deve creare ponti termici tra le varie intersezioni degli elementi della casa, quali muro e solaio. Anche in questo caso le tecniche più efficienti sono quelle dei prefabbricati e il Plastbau 5. Per ponti termici intendiamo quegli spazi che permettono all’aria, e quindi al riscaldamento, di disperdersi all’esterno.

Grande importanza per il risparmio energetico la rivestono la tipologia di impianti utilizzati e gli elettrodomestici. Va da sé che una casa dotata di tutti elettrodomestici di classe A++ spreca meno energia di un’abitazione con elettrodomestici datati. Stessa cosa vale per gli impianti: una caldaia a condensazione o a biomasse, ad esempio, sarà molto più efficiente rispetto a una caldaia standard o un vecchio generatore a gasolio. 

Infine, bisogna prestare attenzione alla qualità dei serramenti, attraverso i quali avviene la maggior perdita di calore/refrigerazione se non sono installati correttamente o se sono di scarsa qualità.

 

Autoproduzione di Energia

Abbinato al risparmio energetico, per ottenere una casa passiva, deve coesistere anche un sistema di autoproduzione di energia. Al giorno d’oggi ci sono vari sistemi: il fotovoltaico produce energia elettrica dai raggi solari, il sistema solare termico scalda l’acqua utilizzata in casa grazie sempre al sole, mentre il sistema eolico produce elettricità a partire dalla forza del vento.

Esistono inoltre generatori, come la pompa di calore, che estraggono l'energia geotermica dal sottosuolo, il calore dall'aria o dall'acqua.

 

Come si Ottiene una Casa Passiva

Realizzare una casa passiva può sembrarti un investimento costoso, ma in realtà non è così. 

Questo aspetto vale soprattutto per le costruzioni in Plastbau 5. 

Un’abitazione in Plastbau 5 costa il 30% in meno rispetto a una casa in muratura standard, evitando così di pagare il sovrapprezzo che richiede invece la realizzazione di edifici prefabbricati.

 

Vuoi saperne di più sul risparmio energetico? Scarica gratis la nostra guida: clicca qui sotto e ricevila in formato PDF per computer, smartphone e tablet.Guida Prodotto Plastbau

Categorie: Casa Passiva

Alberto Uboldi

Scritto da Alberto Uboldi

Specializzato in ambito tecnico e progettuale, è un architetto esperto in progettazione e realizzazione di costruzioni con metodi innovativi. Con il diploma di Geometra, la Laurea in Architettura e l’abilitazione alla professione di Architetto, la sua passione è sempre stata l'innovazione dei materiali, perché nonostante il mercato delle costruzioni tradizionali anni fa non fosse pronto per recepire il cambiamento, aveva la certezza che i primi sintomi di ecosostenibilità avrebbero portato a nuovi orizzonti progettuali. Per questo motivo si è specializzato nei sistemi a pareti portanti costituiti da elementi in polistirolo, con cui è possibile realizzare costruzioni di qualunque tipologia edilizia o struttura architettonica. Nel 2014 ha creato Giovi e iniziato a collaborare con Plastedil, con la quale oggi progetta e realizza case a basso consumo energetico o passive, complete fino all'arredamento e alla domotica.