contatti-giovi.png

DREAMHOUSE - Gli esperti delle case a consumo zero

Case Ecologiche: Come Ridurre le Emissioni?

[fa icon="calendar"] 31/01/18 12.34 / da Alberto Uboldi

Alberto Uboldi

case-ecologiche-riduzione-emissioni.jpg

Come già affermato più volte, le case ecologiche appartengono alla tipologia di costruzione che favorisce il risparmio energetico, essendo dotata di particolari caratteristiche che isolano termicamente l'abitazione e di impianti che riducono il consumo di energia drasticamente. Ma quali sono i reali vantaggi di queste abitazioni, sia per noi sia per l'ambiente?

In questo articolo scopriremo proprio come si riduce l'impatto ambientale e i vantaggi che ciò porta nella vita quotidiana. 

Risparmio per Riscaldamento e Raffrescamento

Il lato positivo di una casa ecologica più visibile concretamente è sicuramente quello del risparmio energetico, che si traduce in una spesa minore per garantire il riscaldamento di una casa d'inverno e la sua refrigerazione d'estate. 

Una casa ecologica è infatti isolata termicamente, essendo costruita con materiali che separano termicamente l'ambiente interno da quello esterno, mantenendo così più costante la temperatura. I materiali utilizzati possono essere vari: legno, polistirolo, lana di vetro o di roccia. L'importante è che siano isolanti.

Un esempio sono le case costruite con Plastbau 5: i pannelli di polistirene non solo isolano la casa, ma il suo particolare sistema costruttivo è scatolare, ovvero i pannelli sono collegati tra loro e all'interno avviene una colata di cemento. In questo modo non si creano ponti termici che invece si creano con le altre tipologie di costruzione dove ci sono intersezioni, con dispersione di aria calda/fredda verso l'esterno.

Il risultato più evidente è quello del risparmio sulle bollette. Si calcola che una casa ecologica con queste caratteristiche possa far risparmiare sulle bollette di riscaldamento ed elettricità fino al 70%.

 

Meno Co2 nell'Ambiente

Una casa ecologica è amica dell'ambiente. Risparmiando energia per riscaldamento ed elettricità diminuisce drasticamente le emissioni di Co2 nell'aria. Forse non tutti lo sanno, ma al settore residenziale va imputato il 12 o il 15% di gas serra. Pensate solo alla corrente elettrica, come viene prodotta, ed è quella che ci permette di accendere la luce o il climatizzatore.

Le ultime stime sulla questione indicano che, intervenendo sui edifici esistenti in tutta l’Europa, si arriverebbe ad un risparmio annuale di 260 miliardi di euro.

 

Meno Spreco di Energia per tutte le Attività

Non si deve pensare al risparmio energetico solo per quanto riguarda condizionamento e riscaldamento. Una casa ecologica infatti è dotata anche di particolari impianti per la produzione di energia elettrica o del riscaldamento che diminuiscono il consumo o addirittura arrivano a fornirlo in maniera autonoma sfruttando le risorse naturali.

Un esempio sono gli impianti fotovoltaici, che producono energia sfuttando i raggi solari, o gli impianti solari termici, che riscaldano l'acqua e l'ambiente sfruttando sempre il calore del sole. In questo modo, non facendo lavorare le centrali di produzione energetica ogni qual volta che accendiamo una lampadina, il risparmio sarà quasi totale, così come la tutela dell'ambiente.

Non solo: in una casa ecologica si utilizzeranno particolari elettrodomestici e sistemi che avranno bisogno di meno energia rispetto a quelli standard. Pensiamo a tutti gli elettrodomestici di classe A++, le luci a led o le caldaie a condensazione o a biomasse: anche in questo caso il risparmio energetico sale per ogni attività esercitata nella casa, e le bollette di conseguenza diminuiscono.

 

Per avere una casa davvero efficiente e a basso impatto sull'ambiente, devi partire dai materiali con i quali è realizzata.

Scarica gratis la nostra guida: clicca qui sotto e ricevila gratuitamente in formato PDF per computer, smartphone e tablet.

Guida 5 Cose da Sapere

Categorie: Edilizia Ecosostenibile

Alberto Uboldi

Scritto da Alberto Uboldi

Specializzato in ambito tecnico e progettuale, è un architetto esperto in progettazione e realizzazione di costruzioni con metodi innovativi. Con il diploma di Geometra, la Laurea in Architettura e l’abilitazione alla professione di Architetto, la sua passione è sempre stata l'innovazione dei materiali, perché nonostante il mercato delle costruzioni tradizionali anni fa non fosse pronto per recepire il cambiamento, aveva la certezza che i primi sintomi di ecosostenibilità avrebbero portato a nuovi orizzonti progettuali. Per questo motivo si è specializzato nei sistemi a pareti portanti costituiti da elementi in polistirolo, con cui è possibile realizzare costruzioni di qualunque tipologia edilizia o struttura architettonica. Nel 2014 ha creato Giovi e iniziato a collaborare con Plastedil, con la quale oggi progetta e realizza case a basso consumo energetico o passive, complete fino all'arredamento e alla domotica.