contatti-giovi.png

DREAMHOUSE - Gli esperti delle case a consumo zero

Il Cappotto Esterno è una Spesa di Troppo!

[fa icon="calendar"] 12/12/17 18.00 / da Alberto Uboldi

Alberto Uboldi

cappotto-esterno-scosti.jpg

Il cappotto esterno è un sistema utile per chi possiede una casa in muratura per renderla più isolata termicamente. Cemento e mattoni, infatti, non sono materiali che trattengono il calore, facendo aumentare a dismisura lo spreco di energia e i costi da sostenere per il riscaldamento d’inverno e la refrigerazione di un’abitazione d’estate. Ricoprendo invece la muratura con materiali isolanti, come la lana di vetro o la lana di roccia ad esempio, si riesce a coibentare di più l’ambiente domestico riducendo i costi delle bollette.

Il cappotto esterno va applicato però a tutta l’abitazione, quindi alle pareti esterne, ma anche solai e soffitti, e internamente, se non si vuole che tutto il lavoro sia fatto per nulla: il calore, infatti, tende a salire verso l’alto e a disperdersi nei piani alti della casa o addirittura a fuoriuscire, creando un vero e proprio effetto a imbuto.

Con lo sviluppo della tecnologia anche come tecnica edile, però, il cappotto esterno sta iniziando ad essere una spesa eccessiva per i vantaggi che realmente porta.

Scopriamo nel dettaglio il perché.

 

Quanto Costa il Cappotto

Realizzare un cappotto costa molto. Bisogna aggiungere al costo del materiale isolante che si intende utilizzare (circa 40 euro al metroquadro), infatti, il costo della manodopera (circa 25 euro al metroquadro) e il costo dei ponteggi (circa 15 euro al metroquadro). Questo in Italia. In Svizzera molto di più.

Il costo finale dell’intera opera quindi varia in base alla grandezza della casa da sistemare e alla superficie: il cappotto sarà più facile da applicare a una superficie più lineare piuttosto che a una curva o con vari gradini di rientro.

Infine, bisogna aggiungere il prezzo dell’intonaco finale per le pareti che copriranno il cappotto esterno. In poche parole, per una casa di medie dimensioni, il costo si aggira attorno ai 30-40mila euro in Italia.

Va da sè il fatto che è una spesa assai elevata e che si ammortizzerebbe in almeno 30 anni attraverso il risparmio sulle bollette.

Molto meglio, quindi, optare per soluzioni diverse: un rinnovo totale degli impianti utilizzati per il riscaldamento ad esempio, o l’utilizzo di sistemi innovativi per la costruzione di una casa, che presuppongono già l’utilizzo di materiali isolanti e quindi non necessitano di un ulteriore cappotto di rivestimento. In questo caso si risparmierebbe circa il 30% del costo di costruzione della casa. In alcuni casi, inoltre, alcuni metodi costruttivi si possono applicare a case già costruite, modificando solo le pareti esterne. E’ il caso del Plastbau 5, sistema innovativo composto da pannelli in polistirene sinterizzato espanso.

 

Allee Case Innovative NON Serve il Cappotto!

Per ottenere una casa isolata termicamente e spendere poco la soluzione migliore è quella di utilizzare sistemi di costruzione innovativi e non la muratura standard, legata più a una tradizione che a una reale efficienza energetica.

Il muro Plastbau è sia portante che isolante. Lo spessore e la densità del pannello è modificabile in funzione dell’isolamento richiesto, ma non solo: la posa dei pannelli di polistirene espanso senza soluzione di continuità garantisce la totale assenza di ponti termici creando un involucro ininterrotto di materiale isolante che impedisce gli scambi interno-esterno. Nessun ponte di saldatura, nessun ponte termico: l’anima in EPS (polistirene espanso) si sviluppa ininterrottamente in tutto l’edificio: si possono realizzare in questo modo case e appartamenti ad alta prestazione energetica.

L’azienda rispetta i requisiti per la certificazione Minergie svizzera, corrispondente a una classe A+ italiana e alle principali classificazioni internazionali europee.

Una struttura grezza, costruita con il sistema Plastbau, costa circa il 30% in meno di una struttura tradizionale a parità di progetto e di prestazioni. Oltre che economico, il vantaggio è anche in termini di tempo: una casa impiega circa 18 mesi per essere costruita in muratura, mentre solo 12 mesi per essere realizzata con la nuova metodologia.

Vuoi saperne di più sui sistemi di costruzione edile? Scarica gratis la nostra guida, clicca qui sotto e ricevila in formato PDF per computer, smartphone e tablet.

Guida 5 Cose da Sapere

Categorie: Isolamento Termico

Alberto Uboldi

Scritto da Alberto Uboldi

Specializzato in ambito tecnico e progettuale, è un architetto esperto in progettazione e realizzazione di costruzioni con metodi innovativi. Con il diploma di Geometra, la Laurea in Architettura e l’abilitazione alla professione di Architetto, la sua passione è sempre stata l'innovazione dei materiali, perché nonostante il mercato delle costruzioni tradizionali anni fa non fosse pronto per recepire il cambiamento, aveva la certezza che i primi sintomi di ecosostenibilità avrebbero portato a nuovi orizzonti progettuali. Per questo motivo si è specializzato nei sistemi a pareti portanti costituiti da elementi in polistirolo, con cui è possibile realizzare costruzioni di qualunque tipologia edilizia o struttura architettonica. Nel 2014 ha creato Giovi e iniziato a collaborare con Plastedil, con la quale oggi progetta e realizza case a basso consumo energetico o passive, complete fino all'arredamento e alla domotica.